TOP

Magazine Pasticceria Bonci

Le Torte d’Autore della Pasticceria Bonci

Quando entriamo all’interno dell’universo della Pasticceria Bonci, è impossibile non restare ammaliati da un autentico catalogo ricco di sapori ed odori differenti, sia che si parli del Panbriacone, delle Giardiniere oppure di Torte e degli altri prodotti di Pasticceria.

Il concetto di “tradizione artigianale” è centrale per tutte le produzioni presenti in catalogo, e rappresenta la base di ogni ricerca destinata a giungere a destinazione: il legame originale tra la genuinità degli ingredienti, la sapienza di lavorazione ed il territorio in cui ogni “magia” prende forma, è inossidabile e per questo caratterizzante.

Proprio in nome di una storia che continua a crescere partendo da lontano – che si tramanda di padre in figlio – è nata la linea dei “dolci di autore” all’interno della gamma Bonci, inaugurata dal gustoso Pan del Cassero, ed ampliata recentemente con tre differenti tipi di Torte. Ognuna accomunata all’altra dal gusto innovativo, dalla compattezza e fragranza dell’impasto, dalla genuinità degli ingredienti, ma soprattutto collegate in modo diretto con la città di Montevarchi, tanto da prendere il nome di tre dei suoi cittadini più illustri: Giovanni Martinelli, Isidoro del Lungo e Francesco Mochi, che andiamo adesso a presentare.

Torta Martinelli

Una Torta ispirata proprio da una delle opere più celebri di questo pittore, nato a Montevarchi all’inizio del XVII Secolo. Giovanni Martinelli ha caratterizzato il Seicento Fiorentino con la sua pittura ed una personalità enigmatica, portatrice di un talento indiscutibile destinato a sopravvivere nei secoli. In uno dei suoi quadri più rappresentativi, Martinelli riporta un tortino che oggi sembra “uscire dall’opera” e prendere vita, attraverso un impasto di farina di mandorle e carote, bagnato con l’alchermes fiorentino. Una vera e propria opera di gusto, delicata nella compattezza ma decisa nel sapore. Grazie alla bagnatura alcolica, che ne permette la totale assenza di conservanti artificiali, si può scoprire un nuovo gusto firmato Bonci, assolutamente non scontato.

 

Torta Isidoro

Isidoro del Lungo rappresenta una delle menti più brillanti che hanno percorso il passaggio tra il XIX ed il XX Secolo Italiano. Dopo esser nato in terra Montevarchina, Isidoro divenne scrittore e poeta, storico e critico letterario, accademico della crusca e presidente della Società Dantesca Italiana. Per rendere onore all’eccellenza storica rappresentata da questa figura  all’interno della città di Montevarchi, la Pasticceria Bonci ha scelto di creare una torta unica nel sapore quanto soffice nella consistenza, grazie l’incontro tra l’impasto di farina di mandorle e del liquore all’Amaretto. La Torta Isidoro riesce a far convivere sapori tradizionali grazie all’equilibrio tra morbidezza e scelta di ingredienti selezionati all’origine.

 

Torta Mochi

La terza ed ultima novità tra le Torte Bonci, è dedicata allo scultore Francesco Mochi, nato a Montevarchi negli ultimi decenni del XVI Secolo, tra gli esponenti del Barocco. Le sue opere sono conosciute per l’incontro tra dolcezza e drammaticità, attraverso una sapiente e dinamica lavorazione di forme anche complesse: una particolarità che ha portato la scelta di avvicinare l’artista alla nostra nuova torta. Da qui la scelta di dedicare uno dei grandi classici della pasticceria italiana – l’abbinamento nocciola e caffè – a uno dei massimi esponenti dell’arte  scultorea italiana. Un morbido impasto fatto con farina di nocciole incontra il sapore aromatico del caffè espresso su una delicata base di pasta frolla, rendendo questa torta veramente irresistibile e di gusto deciso al palato.

 

Commenti (6)

  • alias2k

    ghjghj

    rispondi
  • alias2k

    hgfhfg

    rispondi
  • Mario

    There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour, or randomised words which don’t look even slightly believable. If you are going to use a passage of Lorem Ipsum, you need to be sure there isn’t anything embarrassing hidden in the middle of text. All the Lorem Ipsum generators on the Internet tend to repeat predefined chunks as necessary, making this the first true generator on the Internet. It uses a dictionary of over 200 Latin words, combined with a handful of model sentence structures, to generate Lorem Ipsum which looks reasonable. The generated Lorem Ipsum is therefore always free from repetition, injected humour, or non-characteristic words etc.

    rispondi
  • Paolo Benci

    Lorem ipsum

    rispondi
    • Paolino

      Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry’s standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book. It has survived not only five centuries, but also the leap into electronic typesetting, remaining essentially unchanged. It was popularised in the 1960s with the release of Letraset sheets containing Lorem Ipsum passages, and more recently with desktop publishing software like Aldus PageMaker including versions of Lorem Ipsum.

      rispondi
      • Paolo

        There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour, or randomised words which don’t look even slightly believable.

        rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =