Montevarchi
04 Aug, Tuesday
19° C
TOP

Magazine Pasticceria Bonci

Festa della Donna Bonci

La storia della Festa della Donna

Si tratta di una ricorrenza che affonda le sue radici nel passato, dedicata alla figura femminile in un’epoca in cui si reclamavano maggiori diritti, oggi più che mai fondamentale da festeggiare:  l’8 Marzo si avvicina, e con lui la Festa della Donna!

La Giornata Internazionale della Donna (è questo il suo nome ufficiale) viene spesso collegata a due avvenimenti storici:

  • Un incendio avvenuto a New York l’8 Marzo del 1911, in cui rimasero uccise 134 lavoratrici che stavano manifestando per un miglioramento della loro condizione (ed un rispetto ulteriore dei propri diritti).
  • La partecipazione attiva delle donne russe, l’8 Marzo del 1917 durante la Prima Guerra Mondiale ed in Piena Rivoluzione Russa: la presenza delle operaie in una manifestazione contro lo Zar, divenne simbolo dell’aspirazione verso l’uguaglianza di genere.
Le donne della Pasticceria Bonci
Le donne della Pasticceria Bonci

In realtà la Festa della Donna si è inserita all’interno del clima politico del ‘900, coincidendo con la reclamazione del diritto di voto femminile, e diventando nel 1921 ricorrenza mondiale nello stesso giorno.
Con il passare degli anni il suo significato “politico” è andato affievolendosi, per quanto ancora oggi le rivendicazioni delle donne (unite ai vergognosi casi di maltrattamenti che purtroppo continuano a riempire i notiziari) siano sempre al centro del dibattito.
E l’averla trasformata progressivamente in un giorno in cui omaggiare il cosiddetto gentil sesso in tutti i modi possibili, ha favorito un clima di importanza universale che coincide con l’inizio di Marzo, come antipasto della primavera alle porte.
Infatti, in occasione del primo 8 Marzo dalla conclusione della Seconda Guerra Mondiale in Italia, la mimosa è divenuto il fiore principe da regalare per omaggiare il genere femminile, magari accompagnata da qualcosa di dolce, per completare la rappresentazione di tutto quello che la donna figura in questo mondo.
La mimosa, infatti, è stata scelta in quanto fiore dal colore splendente, dalla fioritura precoce e soprattutto dalla facile reperibilità e alla portata di chiunque.
Ed è proprio quella capacità di fiorire in terreni difficili che la porta ad esemplificare la forza delle donne – la resilienza del genere femminile – da accostarsi alla dolcezza che contraddistingue ogni madre, ogni moglie, ogni figlia per un uomo qualunque.

Anche per questo, accompagnare ad un mazzetto di mimosa una scatola di golosi cioccolatini, oppure un piccolo dolce artigianale da consumarsi insieme, è il consiglio che ovviamente ci sentiamo di darvi.
Soprattutto perché sia le creazioni del Maestro Mezzasoma che la versione da 130 grammi del Panbriacone, sono disponibili sia attraverso il nostro shop online che nel punto vendita della Pasticceria Bonci.

Che poi, diciamoci la verità: la ricorrenza è importante per quanto abbiamo appena ricordato, ma l’importanza delle donne è dato di fatto quotidiano. E proprio per questo, ogni momento è buono per festeggiare la forza della femminilità, anche con la dolcezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × cinque =